Investimenti nel mezzogiorno
11 Luglio 2016
Vending machine
11 Luglio 2016

Comunicazioni di anomalia

Redditi del periodo di imposta 2012 non dichiarati da persone fisiche


Sono 100.000 le comunicazioni ricevute da persone fisiche per informare i cittadini su possibili errori o dimenticanze nei redditi dichiarati per il 2012. A rientrare in questa tornata di comunicazioni sono anomalie relative ad alcuni redditi, che, dai dati in possesso dell’Agenzia delle entrate, risulterebbero non dichiarati, in tutto o in parte, nella dichiarazione modello Unico o 730 presentata nel 2013.
Errori o dimenticanze che, in passato, avrebbero subito fatto partire l’avviso di accertamento e che, invece, con la nuova impostazione impressa ai controlli, vengono preventivamente sottoposti all’attenzione del contribuente. Di seguito il dettaglio con l’indicazione della fonte che ha consentito l’incrocio:
- Redditi di lavoro dipendente e assimilati → Modello 770 presentato dal sostituto d’imposta;
- Assegni periodici corrisposti dall’ex coniuge → Modello 730 o Modello Unico presentato dall’ex coniuge;
- Redditi di partecipazione in società di persone, in società a responsabilità limitata a ristretta base proprietaria che hanno optato per il regime della trasparenza → Modello Unico Società di Persone o Modello Unico Società di Capitali presentato dalla società;
- Redditi di capitale relativi a utili corrisposti da società di capitale o enti commerciali → Modello 770 presentato dalla società;
- Redditi di lavoro autonomo non derivante da attività professionale e alcune tipologie di redditi diversi → Modello 770 presentato dal sostituto d’imposta;
- Redditi di impresa derivanti da plusvalenze e/o sopravvenienze attive (rata annuale) → Opzione per la rateizzazione espressa dal contribuente nel Modello Unico PF.
Le lettere saranno recapitate tramite posta ordinaria o, per i titolari di partita Iva, agli indirizzi di posta elettronica certificata. È possibile correggere i rilievi evidenziati mediante il ravvedimento operoso.
(Agenzia delle entrate, provvedimento n. 100892/2016, 24/06/2016)